Ascolta l'episodio da qui

Ascolta l'episodio da qui

Tags

Condividi il Podcast

Clicca "Mi Piace" ed entra nella Tribù!

Vuoi fare una domanda o condividere la tua opinione?

6 Comments on “#37 – la Non-Dualità può annullare la sofferenza e migliorare la nostra vita? Con Riccardo Lautizi (Dionidream)”

  1. Intervista molto interessante, anche questa, come altre ultimamente, parla della necessità di recepire la non-dualità (o coscienza di unità della 9 onda?), e, finalmente (come altri, ultimamente…) mette in discussione il libero arbitrio. Ma su questo, vorrei intervenire sulla pagina facebook come ci ha chiesto Max. 🙂

  2. Riguardo all’esperienza di unità col Tutto, consiglio la lettura del libro “Vedere l’invisibile -Moderne esperienze religiose e trascendentali” che riporta alcune delle lettere inviate da gente “comune” in risposta alla richiesta di un centro di ricerca di Oxford che voleva raccogliere testimonianze, anche in forma anonima, su esperienze extrasensoriali. Purtroppo si tratta di esperienze di epoca pre-informatica, dove la gente aveva modo di stare in solitudine, in silenzio, di passeggiare sola a contatto della Natura, circostanze in cui, di solito, si sono verificate queste esperienze.
    Sviluppare una coscienza di unità con gli occhi incollati al cellulare o al computer…la vedo dura!

    1. Grazie Gabri, molto interessante… Riguardo al cellulare e al computer, hai ragione… Rudolf Steiner ci aveva messi in guardia rispetto alle sfide che avremmo affrontato con la tecnologia. Abbiamo davanti dei tempi molto interessanti.

  3. è sempre un piacere ascoltarvi ragazzi siete in gamba, parlate, portate l’attenzione, snocciolate argomenti veramente supernatural e e l’intervista con Riccardo Lautizi, personaggio eclettico che si ascolta con curiosità e rapimento. La non dualità, il libero arbitrio questa non è roba da poco oltremodo parlarne facendosi comprendere …….complimenti a voi tutti .
    Mi ha lasciato parole e concetti che hanno rimosso incrostazioni, grazie. E’ sempre un piacere seguirvi.

    1. Grazie Claudia! Sì, non è roba da poco… La nostra mente fatica a comprendere, ma prima o poi se ne farà una ragione 🙂
      Un abbraccio!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *