Armonia nella Coppia: come affrontare i problemi, superare le crisi e vivere felici!

Daria & MaximilianArticoli3 Comments

Maximilian & Daria
Tempo di lettura: 4 minuti

La relazione di Coppia è una delle esperienze più entusiasmanti e appaganti, ma anche una delle più difficili e impegnative della nostra vita.

Si comincia una relazione con tanto entusiasmo, con grandi speranze e con le migliori intenzioni.

Eppure presto o tardi le cose si complicano e in men che non si dica ci si ritrova in una situazione di grande sofferenza, delusione e frustrazione, senza riuscire a capire come sia potuto succedere e cosa fare per rimettere le cose a posto.

Sempre più coppie hanno problemi che non sanno come gestire e affrontano crisi che non sanno come superare.

Separazioni e divorzi sono sempre più frequenti, ma purtroppo non mettono fine ai problemi… anzi, ne creano di nuovi.

L’insoddisfazione a livello sessuale è uno dei problemi più comuni di tradimento e separazione, ma questo è un chiaro segnale che alla coppia mancano gli strumenti e le basi per instaurare una relazione felice, appagante e duratura, poggiata su fondamenta solide.

E questo è solo uno dei tanti problemi che vivono le coppie. Gelosie, incomprensioni, rancori, bisogni inascoltati… Tutti problemi che mettono in serio pericolo la sopravvivenza della coppia, se non vengono affrontati e superati nel modo corretto.

Il tema della coppia e delle relazioni mi sta molto a cuore.

La relazione di coppia è una delle esperienze più belle, profonde e trasformatrici che possiamo fare in questa vita.

E’ un grande strumento per la nostra crescita e può aiutarci a sviluppare tutti i lati migliori della nostra umanità: amore, ascolto, pazienza, compassione, altruismo, perdono, sacrificio, gioia, empatia, comprensione, gratitudine, fiducia, coraggio, passione, conforto… e tanto altro.

Nella coppia possiamo imparare a dare all’altro il meglio di noi… e ricevere dall’altro il meglio che può darci.

Eppure troppo spesso nella coppia lasciamo che si manifestino i lati peggiori di noi.

Egoismo, rabbia, rancore, gelosia, invidia, violenza, vittimismo, manipolazione, chiusura, sospetto, menzogna, tradimento, paure, sensi di colpa, cattiverie e… odio.

La coppia è come un orto o un giardino: per far sì che sia bello, accogliente, rigoglioso e che dia buoni frutti, dobbiamo prendercene cura ogni giorno, ogni istante, con amore e dedizione.

Se lasciato a se stesso e trascurato, il nostro giardino si riempie di ortiche, erbe infestanti e parassiti, fino a diventare un luogo sgradevole, arido, inospitale e inaccessibile, da cui vorremmo solo fuggire.

Troppo spesso i problemi vengono trascurati e si trascinano fino a diventare troppo grandi e troppo gravi per essere gestiti.

Affrontare i problemi e le crisi quando sono al loro massimo è troppo difficile: si rischia di arrivare ad un punto di non ritorno, che porterà inevitabilmente al fallimento e alla morte della coppia.

L’unico modo per creare e mantenere una relazione sana, armoniosa e felice è fare un lavoro di coppia attento e consapevole, con amore, impegno e dedizione, ogni giorno.

E’ un lavoro impegnativo, è vero, ma in cambio ti darà grande soddisfazione e tanta felicità.

Il problema è che la maggior parte di noi non ha un manuale delle istruzioni.

Come fare per coltivare una relazione di coppia sana, armoniosa, gratificante e felice?

Come fare per gestire le nostre emozioni negative, senza scaricarle sul partner?

Come fare per soddisfare le nostre esigenze nella coppia e ricevere dal partner ciò di cui abbiamo bisogno?

Come fare per creare ascolto, comprensione, collaborazione e fiducia reciproca?

Come fare per portare gioia e passione nella coppia e vivere una sessualità appassionante, profonda e coinvolgente?

Io e mia moglie Daria lavoriamo ogni giorno per ottenere questi risultati e per mantenere la nostra coppia sana, armoniosa, appagante e felice.

Certo, anche noi abbiamo le nostre difficoltà, i nostri punti deboli e le nostre imperfezioni. Ma non lasciamo mai che i problemi si trascinino o che il lato peggiore di noi prenda il sopravvento nella coppia.

Ogni giorno lavoriamo per migliorarci e per dare il meglio di noi nella coppia. Ci impegniamo costantemente per trovare nuove strategie, nuove idee, punti di vista differenti e soluzioni creative per rafforzare e rendere più solida e costruttiva la nostra unione. Ogni problema che risolviamo assieme ci rende più forti e più uniti di prima. Ogni difficoltà che superiamo assieme rende la nostra coppia più armoniosa e felice.

Ogni giorno dedichiamo uno spazio sacro al dialogo e al confronto. Ogni giorno facciamo un piccolo rito per celebrare e rafforzare la nostra unione e il nostro amore reciproco.

E’ vero, siamo stati fortunati. Il nostro incontro è stato voluto dal destino e ci amiamo davvero tanto. Ma questo da solo non basta.

Se non facciamo un lavoro quotidiano, questa immensa fortuna può essere distrutta in breve tempo.

Per oltre 20 anni ho studiato, ricercato e praticato nel campo della crescita personale e della spiritualità, lavorando su di me e con le altre persone. Ho avuto l’immensa fortuna di studiare naturopatia olistica frequentando per alcuni anni l’Ecovillaggio Lumen. E’ una comunità di circa 70 persone incentrata sul valore delle relazioni, della convivenza e della crescita personale, di coppia e di gruppo. Nella comunità si lavora costantemente per migliorare le relazioni e renderle più sane, armoniose e felici, a tutti i livelli. Da loro ho imparato molto sulla coppia e sulle relazioni e il loro aiuto mi è stato davvero prezioso.

La vita e l’esperienza ci hanno dato tanti strumenti preziosi, che io e Daria utilizziamo quotidianamente per coltivare e migliorare la nostra relazione di coppia e rendere più serena, armoniosa e felice la nostra famiglia.

Abbiamo avuto una grossa fortuna e non vogliamo tenercela tutta per noi.

Io e Daria abbiamo deciso di mettere a disposizione la nostra esperienza per aiutare anche le altre coppie ad affrontare i problemi, a superare le crisi e a vivere felici.

Stiamo lavorando alla creazione di un percorso per la coppia. Inizialmente sarà un video corso online con diversi moduli, suddivisi per argomento.

Ci siamo dati un obiettivo importante e ci aspetta un lavoro impegnativo. Non sappiamo quanto tempo ci vorrà per completare il corso, ma ce la metteremo tutta per finirlo entro l’autunno.

Se l’argomento ti interessa e vuoi saperne di più sul video corso, ho creato una bella mappa colorata con l’elenco dei contenuti. Sono davvero tanti!

Per scaricare la mappa dei contenuti e ricevere maggiori informazioni e aggiornamenti sul video corso, man mano che lo realizziamo, compila il modulo qui sotto.

Inoltre mi interessa molto avere la tua opinione. Se ti va di darci una mano con dei consigli e dei suggerimenti, oppure se hai delle domande specifiche o dei problemi che ti fanno soffrire e che vorresti risolvere, compila il modulo così possiamo rimanere in contatto e scambiarci delle email.

Corso_Armonia_di_Coppia_Small_Freccia

A presto!

Maximilian

3 Comments on “Armonia nella Coppia: come affrontare i problemi, superare le crisi e vivere felici!”

  1. Carissimi Max e Daria,
    Apprezzo la vostra intraprendenza , ma essendo che ci conosciamo da alcuni anni e vi considero amici ( soprattutto Daria, con la quale ho condiviso una bellissima esoerienza) mi sento di esprimervi il mio sincero punto di vista.
    Penso e spero che possiate accoglierlo.

    Credetemi, non e’ invidia la mia .
    Come ben sapete da due anni sono separata con due figli piccoli e la mia vita sentimentale – da sempre-non e’ mai stata una passeggiata… Ma che dire, questa vita – se pur cosi tortuosa- mi ha fatta crescere tanto.
    Ed e’ per questo che non la cambierei mai con una vita ” felice”, e ringrazio tutto quello che ho vissuto per avermi dato questa opportunita’ evolutiva.
    Non sempre sono riuscita ad ottenere cio’ che pensavo sarebbe stato giusto per me ( compresa una famiglia felice), ma alla luce dei fatti il famoso detto ” dal letame nascono i fior” e’ sempre valido…….
    La separazione e i problemi all’ interno della coppia- che potrebbero apparire agli occhi dei piu’ come un ” fallimento” -possono essere in realta’ un grande strumento di apertura dei nostri orizzonti, per trasformare il nostro modo di pensare e di credere in noi stessi e nelle relazioni.
    La sofferenza , se affrontata con i giusti strumenti, puo’ davvero significare tanto per la nostra crescita individuale: e’uno strumento di apertura verso gli altri e verso tutto cio’ che prima avremmo giudicato” sbagliato”.
    Quindi…per quale motivo condannare la separazione a favore della vita di coppia ?
    Ognuno ha il suo percorso.
    La vita e’ un ‘ onda e la cosa importante e’ saperla cavalcare , nei suoi alti e bassi.

    Personalmente non credo nella coppia monogama e felice per sempre , dove per trentanni ci si ama, ci si capisce, sidialoga, si fa sesso , non ci si tradisce mai ( nemmeno col pensiero), e si crescono dei bambini felici…..Lo trovo un cliche’ molto ” mulinobianco”, o forse solo un retaggio cattolico.
    O forse semplicemente rifuggo dall’ idea di un ” corso di felicita’”.
    Penso che chi e’ veramente realizzato nella vita di coppia( ….e i casi esistono, per fortuna! ) non abbia bisogno di porsi come modello di riferimento per gli altri.
    Chi e’ veramente felice non ha bisogno di dire ” guarda come sono felice, ti posso insegnare ad esserlo! ” : e’ felice e basta…….ed e’ automaticamente un modello di riferimento per le altre persone.
    Detto cio’ , ragazzi…,amici come prima.
    Lo ripeto, vi ho scritto queste cose perche’ credo nell’ amicizia e nella sincerita’.
    Cmq se ne puo’ parlare ( non del corso, ma dell ‘idea di felicita’ ).

    Un abbraccio, F

    1. Ciao cara Francesca e grazie per aver condiviso il tuo punto di vista. Lo accogliamo volentieri e ti ringraziamo perché ci dai la possibilità di chiarire meglio le nostre intenzioni e le motivazioni che ci animano.

      Tutti noi esseri umani, nessuno escluso, vive situazioni difficili e dolorose, da cui può imparare tanto ed evolvere. Nella coppia, in famiglia, nel lavoro, nelle amicizie, nella salute… Tutto serve per farci crescere e nessuno si illude che la vita sia sempre rose e fiori. Siamo ben consapevoli che un evento in apparenza negativo può avere risvolti inaspettatamente positivi… e viceversa. In fondo positivo e negativo sono solo giudizi della nostra mente, dovuti alla nostra visione limitata.

      Come diceva il mio insegnante di meditazione, che da qualche tempo ha lasciato il corpo, la vita è fatta di strade tortuose e piene di buche. Non ha senso illudersi o far finta che la vita sia una strada dritta e piatta. Quello che ci serve nella vita è sviluppare buoni ammortizzatori, così da poter affrontare gli ostacoli e le sfide nel modo migliore possibile.

      Questo è il motivo per cui abbiamo deciso di offrire il nostro aiuto e condividere il nostro punto di vista e la nostra esperienza.

      E’ proprio come dici tu: “La sofferenza, se affrontata con i giusti strumenti, può davvero significare tanto per la nostra crescita individuale“. Il nostro è un tentativo di offrire agli altri gli strumenti che stanno aiutando noi stessi ad affrontare le difficoltà e le sfide quotidiane.

      Noi non condanniamo affatto la separazione e non la giudichiamo un fallimento. Sia io che Daria abbiamo vissuto delle separazioni nel nostro passato, con altre persone, prima di incontrarci (come la maggior parte delle persone, del resto). Se hai dato un’occhiata alla Mappa del corso, avrai notato che c’è un modulo dedicato proprio alle separazioni, che affronta anche la domanda “quando è utile andare avanti assieme a tutti i costi e quando invece è meglio separarsi?”. Di nuovo non pretendiamo di avere una risposta certa e definitiva, ma ne abbiamo fatto esperienza noi stessi in passato, prima di conoscerci, e quindi possiamo condividere questa esperienza e le lezioni che abbiamo imparato da essa.

      Cara Francesca, sei libera di non credere nella coppia monogama che per 30 anni vive felicemente assieme e non si tradisce nemmeno con il pensiero. Per me e Daria non è una questione di “credere” o “non credere“. Noi ci siamo dati un obiettivo e una direzione e lavoriamo ogni giorno per andare in quella direzione. Non lo abbiamo fatto per “retaggio cattolico” (non siamo cattolici). Abbiamo SOLIDE motivazioni per farlo e ce le siamo dette prima di sposarci e di prenderci questo impegno reciproco. La famiglia del Mulino Bianco non esiste e lo sappiamo tutti. La vita ci pone costantemente di fronte a sfide e ostacoli da superare. Non è una passeggiata e ne siamo ben consapevoli. La coppia è come una barchetta nell’oceano. A volte il mare è calmo, altre volte arrivano le tempeste, spesso senza preavviso. Proprio per questo motivo lavoriamo ogni giorno per mantenere salda la direzione e sviluppare buoni ammortizzatori.

      Per concludere, noi non ci siamo mai proposti come modello di riferimento per gli altri. Chi ci conosce intimamente lo sa bene. E nemmeno in questo caso ci vogliamo porre come modello di riferimento.

      Non siamo una coppia perfetta. E non siamo una coppia FELICE A PRIORI. Siamo una coppia che ogni giorno ce la mette tutta per vivere in armonia e far crescere il proprio Amore verso direzioni nuove. Ogni giorno ci impegniamo per conoscere meglio noi stessi, per lavorare sull’ascolto, sulla comprensione, sulla pazienza, sull’empatia, sul gioco di squadra, sull’intimità e sulla sessualità. Ogni giorno ci impegniamo per far emergere i nostri demoni interiori e portare luce nelle stanze più buie e polverose dell’animo umano. Ogni giorno ci impegniamo per superare i conflitti e lavorare sui nostri difetti individuali.

      Non siamo una cosiddetta “coppia felice” (qualsiasi cosa significhi).

      Noi siamo una coppia felice di affrontare assieme ogni giorno le sfide e le difficoltà quotidiane che viviamo nella nostra relazione.

      Siamo immensamente grati a tutte le persone che si sono messe in gioco e che hanno condiviso con noi la loro esperienza di vita. Se oggi siamo ciò che siamo (con tutti i nostri difetti e i nostri limiti) lo dobbiamo anche alle persone che ci hanno insegnato a meditare, a pregare, a nutrirci in modo sano e consapevole, a curare la nostra salute in modo naturale, a comunicare in modo più efficace, a relazionarci in modo più costruttivo con le altre persone, ad allevare i nostri figli in modo più consapevole… e tanto tanto altro.

      Se tutte queste persone avessero scelto di farsi gli affari loro, senza mettersi in gioco, avremmo perduto una grande opportunità di crescita. Perché dal nostro punto di vista, cara Francesca, non si cresce solo con le mazzate. Gli errori, il dolore e la sofferenza fanno parte del nostro percorso di crescita, sono utili e non vanno temuti o demonizzati. Ma la ricchezza più grande l’abbiamo ricevuta dalla generosità delle persone che hanno voluto condividere con noi la loro esperienza, la loro consapevolezza e il loro punto di vista.

      Per questo motivo io e Daria abbiamo deciso di metterci in gioco e condividere la nostra esperienza di vita, nella speranza che possa essere di aiuto anche alle altre persone.

      Mentre creiamo questo percorso per gli altri, lo mettiamo in pratica noi stessi e lo sperimentiamo in prima persona. Mentre cerchiamo di aiutare gli altri, aiutiamo anche e soprattutto noi stessi.

      Ci consideriamo dei Ricercatori della Verità e proprio per questo motivo siamo ben consapevoli di non avere la Verità in tasca (altrimenti cosa la cercheremmo a fare?).

      Quello che stiamo facendo è di grande aiuto a noi. Ci auguriamo che possa esserlo anche per gli altri. Forse non è utile per te e di certo non sarà utile per tutti. Ma comunque noi ci vogliamo provare e ce la metteremo tutta per dare il meglio di noi e aiutare le altre coppie ad essere più felici, comunque vada. Grazie al confronto con le persone che ci seguono, cercheremo di fare sempre meglio. Quindi grazie anche a te per aver condiviso la tua opinione.

      Un abbraccio!

      Maximilian & Daria

  2. Carissimi Daria e Max,
    leggendo quello che avete scritto in risposta almio commento, trovo che il tutto finalmente risulti piu’ chiaro …….Poi posso essere piu’ o meno d’ accordo su diversi punti, ma almeno ora c’ e’ piu’ chiarezza rispetto a quelli che sono i vostri percorsi e agli intenti che Vi state prefiggendo .

    Diciamo che dalle prime parole lette sul blog il tutto risultava un pelino troppo ” easy going”, in relazione alla portata dell’ argomento e – soprattutto- in relazione al fatto che foste voi in
    prima persona ad occuparvi del corso.
    Purtroppo non riesco ad aprire la Mappa del corso- e se lo ingrandisco sfuocano le parole- quindi e’ ovvio che non sono riuscita a leggere nel dettaglio .

    L’ unica cosa che mi sento di chiarire – e che forse puo’ esser stato travisato leggendo il mio commento precedente -e’ che ASSOLUTAMENTE non sono una fan delle mazzate e della sofferenza.
    AMO MOLTO LA VITA e -allo stato attuale delle cose- posso solo permettermi di dire dhe certe dinamiche e certi accadimenti non certo leggeri mi hanno aiutata a crescere, nulla di piu’!
    Penso semplicemente che la sofferenza, se ben canalizzata, possa essere la porta di accesso ad una forma di consapevolezza piu’ profonda di noi stessi e del funzionamento della vita .
    Ma e’ ovvio …… devono entrare in ballo anche altri fattori, quali lo spirito di ricerca, il senso di condivisione, la voglia di superare la barriera del dolore…..ci sarebbe tanto, tantissimo, di cui parlare in merito a questo, ma forse possiamo farlo anche face to face, visto che proprio in questi giorni siete rincasati.
    Ora Morfeo mi sta dhiamando, penso che cadro’ fra le sue braccia nell’ arco di pichi minuti.
    Grazie di avermi risposto.

    A prestissimo, F

    L’ unica cosa che vorrei chiarire e’ che non sono assolutamente una fan delle m” mazzate”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.