La classifica dei Pendoli più utilizzati: al primo posto c’è… il Quarzo Ialino!

Daria & MaximilianArticoli, Pendolo11 Comments

Tempo di lettura: 3 minuti

Qualche mese fa ho chiesto ai miei studenti del corso “I Segreti del Pendolo” di raccontarmi quale Pendolo utilizzano.

Ho ricevuto tantissime risposte super interessanti e ho creato una classifica con i primi 100 Pendoli. Eccola!

Qual è il materiale del Pendolo più utilizzato: Pietra, Legno, Metallo, Orgonite?

Su 100 Pendoli osservati…

  • il 58% è in Pietra
  • il 30% è in Metallo
  • il 10% è in Legno
  • il 2% è in Orgonite

Qual è la pietra più utilizzata?

Tra tutti i Pendoli in pietra osservati (58 su 100)…

  • il 48% è di Cristallo di Rocca (Quarzo Ialino)
  • il 17% è di Ametista
  • il 10% è di Quarzo Rosa
  • il 3% è di Quarzo Fumé
  • il restante è di altre pietre varie

Interessante notare che oltre l’80% dei Pendoli in pietra appartiene alla grande famiglia dei Quarzi (di cui fa parte anche l’Ametista). Se conosci le proprietà dei Cristalli, puoi facilmente intuirne il motivo 🙂

pendolo-pietre-piu-utilizzate

Qual è il metallo più utilizzato?

Tra tutti i Pendoli in metallo osservati (30 su 100)…

  • il 50% è in Ottone
  • il 20% è in Acciaio
  • il 5% è in Argento
  • il restante è di altri metalli vari

L’ottone è una lega di metalli, costituita da Rame e Zinco. Non so perché la maggior parte dei Pendoli in metallo siano fatti di ottone, ma credo sia per il costo molto basso e la facilità di lavorazione di questa lega, una delle più diffuse sul mercato.

pendolo-metalli-piu-utilizzati

La classifica finale dei Pendoli più utilizzati

Tra tutti i 100 Pendoli osservati…

  • il 28% è in Quarzo Ialino (Cristallo di Rocca)
  • il 14% è in Ottone
  • il 10% è in Ametista
  • il 6% è in Quarzo Rosa
  • il 5% è in Acciaio
  • il 37% è in altri materiali vari

pendolo-classifica-finale

I Pendoli realizzati a mano (fai da te)

Il 16% dei Pendoli è stato creato a mano dagli studenti e realizzato a partire da oggetti di uso comune, come orecchini, ciondoli, anelli, eccetera.

Ecco un elenco dei Pendoli più creativi:

  • Apri noci di Alessi a forma di Cuore
  • Orecchino in pietra a spirale
  • Ciondolo a forma di Scrigno
  • Orecchino di Argento con Onice
  • Catenina con Medaglietta d’Oro
  • Un chiodo
  • Ciondolo a forma di Cuore
  • Ciondolo sonoro degli Angeli
  • Anello con filo
  • Cristallo Svarowsky
  • Catenina con Ametista
  • Legno intagliato
  • Una ghianda

Catenina di metallo, corda in tessuto naturale o filo di plastica?

C’è chi dice che la corda del Pendolo dovrebbe essere di materiali particolari. Che sia vero o no, resta il fatto che oltre il 90% dei miei studenti utilizza una catenina in metallo. Nessuno ha segnalato il filo in plastica (e io stesso non ho mai visto utilizzare un Pendolo con un filo di plastica). I miei Pendoli in Pietra hanno la catenina in metallo, mentre il Pendolo in Ottone ha la corda di cotone. Sarà un caso? Non ci avevo mai pensato, ma forse è per compensare 🙂

Elenco di tutti i Pendoli che hanno partecipato al sondaggio (in ordine sparso)

  • Diaspro color terra chiaro
  • Ametista
  • Ottone
  • Cristallo di Rocca
  • Rudraksha
  • Pietra Verde (non specificata)
  • 7 chakra (varie pietre, non specificate)
  • Acciaio
  • Turchese
  • Lapislazuli
  • Quarzo Fumè
  • Quarzo Rosa
  • Quarzo Rutilato
  • Orgonite
  • Onice
  • Argento
  • Sodalite
  • Avventurina
  • Amazzonite
  • Corniola
  • Pendolo Egizio in Legno
  • In metallo a spirale

Per concludere

Il Pendolo in Quarzo Ialino si conferma il più amato e il più utilizzato. Non avevo particolari dubbi in merito… Anche il mio Pendolo preferito è di Quarzo Ialino.

In generale i quarzi (Ialino, Ametista, Rosa, Fumé, Rutilato, Corniola, Avventurina, Diaspro…) sono i materiali più utilizzati, forse proprio per la loro capacità innata di ricevere e trasmettere (lo sapevi che il quarzo viene utilizzato da quasi 100 anni per costruire le radio, tra le altre cose?)

Al secondo posto, dopo i quarzi, c’è il Pendolo in Ottone. Con la sua energia tendenzialmente neutra e il suo materiale praticamente indistruttibile, è il più semplice e versatile dei Pendoli.

Pur essendo di materiale “povero”, fa egregiamente il suo lavoro e ci conferma che non è il tipo di materiale a fare la differenza, perché il Pendolo è solo uno strumento nelle nostre mani: siamo noi operatori a fare la vera differenza.

La stessa conferma ci arriva da tutte le persone che utilizzano un Pendolo fatto in casa, con i materiali più bizzarri. Come avrai visto, c’è chi utilizza con successo un Pendolo fatto con un chiodo o una ghianda! Diverse persone utilizzano anelli, orecchini o ciondoli, portachiavi, eccetera.

I Pendoli fatti in casa hanno quasi tutti la caratteristica di rispondere molto bene all’operatore. Il motivo? Non è il materiale, né la forma.

Il vero segreto è che i Pendoli creati a mano, seguendo una intuizione o la propria creatività del momento, sono veri e propri Oggetti di Potere, come li chiamava Castaneda. Sono manifestazioni del nostro Potere Personale e della nostra Creatività. Non mi stupisce che rispondano così bene all’energia del loro creatore, visto che sono praticamente un tutt’uno con esso!

E tu che ne pensi? Ti ritrovi in questa classifica?

Un abbraccio!

Maximilian

ps: grazie di cuore a tutti i miei studenti che hanno partecipato al sondaggio!!!

11 Comments on “La classifica dei Pendoli più utilizzati: al primo posto c’è… il Quarzo Ialino!”

  1. Ciao, mi chiamo Rosella, volevo dirti che ho fatto il pendolo io personalmente ed ho utilizzato una conchiglia (mi ha colpita appena l’ho vista) legata con il filo di cotone…. funziona bene….
    Ciao

  2. Ciao. Di pendoli ne ho diversi. Il mio preferito è quello di quarzo ialino. Strano a dirsi é quello che ho fatto più fatica ad usare ma é quello con cui entro maggiormente in risonanza. Il più semplice e reattivo é quello in quarzo rosa che porto sempre al collo. L’ametista é quello più neutro
    Ciao

  3. Sono nuova mi ha spre affascinatpa mai boluto provare. Da qualche giorno ho pensato di crearlo con un ciondolo regalato da un amica , la campanella degli angeli in piu metero un anello etrusco che mi aegue da una vita…sono emozionata e per caso m i sono imbattuta nel tuo corso he.prenderò…un caso??? Ma chi puodirlo!

    1. Ciao Maria, di certo non è un caso 🙂
      Fai bene a sperimentare e a creare il tuo Pendolo personalizzato.
      Poi facci sapere com’è andata.
      Un abbraccio!

  4. Ciao mi chiamo Annamaria,
    Io uso una catenina della Swaroski con pendente di cristallo.
    Funziona bene, ma vorrei saperne di più!
    Ciao e grazie!

  5. Ciao io in passato ho usato un pendolo fatto da me con una pietra raccolta in terra , per non bucarla e mantenerla intatta con tutte le sue caratteristiche ho fatto una sorta di gabbietta con del filo di rame idem come filo ho sempre usato del filo di rame il classico che è presente nei fili della luce, funzionava bene , ora utilizzo un pendolo fatto con un occhio di tigre che parecchi anni fa avevo inciso io e una catenella da bigiotteria,funziona bene anche se non sempre da risposte esatte non capisco perche a volte mi da risposte proprio assurde e che pii si svelano completamente sbagliate mentre se lo uso per purificazioni e guarigioni invio di energie positive ecc ha risultati veramente buoni

    1. Ciao Marco! Costruirsi da solo il proprio Pendolo è un atto di potere, che ti aiuta ad andare più in profondità nel percorso.
      Riguardo alle risposte giuste o sbagliate, ne parlo in dettaglio nei miei corsi.
      Cercare le risposte rientra nella cosiddetta “divinazione”.
      Per quanto mi riguarda il termine divinazione significa: ottenere informazioni apparentemente nascoste e inaccessibili, usando strumenti apparentemente soprannaturali.
      Che detto in termini più semplici significa: Le risposte sono già intorno a noi e sono accessibili. Ma per riceverle bisogna sapere come fare.
      E’ come avere una radio che può ricevere infinite frequenze e stazioni radio. INFINITE. Non basta girare a caso la manopola per trovare ciò che cerchiamo. Inoltre la nostra mente gioca brutti scherzi e spesso confonde o cambia le risposte.
      Quindi occorre un serio percorso di preparazione e allenamento per trovare la sintonia giusta.
      Invece usare il Pendolo per guarigioni e purificazioni non è divinazione. In questi casi stai usando il Pendolo in modo attivo ed è un lavoro completamente diverso. E probabilmente tu ci sei molto portato.
      Sto preparando un corso su questo argomento, che è di livello più avanzato. Spero di farcela entro Natale. Anzi me lo do come obiettivo 🙂
      Un abbraccio e buona pratica!

  6. Anche io utilizzo il pendolino di quarzo ialino. È una delle mie pure preferite. Grazie per tutte queste informazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *